Preloader image

Tunas

708

50 anni di musica rock a Bologna!

|
Social/Site
Non ci sono informazioni sul sito o sui Social di questo Artista inseriti in Archivio
Contacts
Line Up
Non ci sono informazioni sui Musicisti di questo Artista inseriti in Archivio

BIO

La prima volta che li vidi su un palco non si chiamavano ancora Tunas, ma Omens. Era il 2001, nella più classica delle situazioni emiliano-romagnole: alla Festa de l'Unità di Castenaso, in provincia di Bologna. Sotto una tettoia di lamiera ondulata, nello “spazio giovani”, fra lambrusco e crescentine. Il suono, come era prevedibile, era pessimo. Non il loro, quello dell'impianto. La prima domanda che mi posi, dopo avere ascoltato le prime note, fu: perchè dei ventenni della bassa bolognese suonano ispirandosi ai Sonics? La seconda: perchè, soprattutto, lo fanno così bene? Quando Riccardo “Frabbo” Frabetti, aka Cool Face, attaccò a cantare il mio stupore iniziale si trasformò in totale incredulità: non è possibile che quel ragazzino con gli occhiali cresciuto a lasagne e tortellini possa cantare così! Un'attitudine al garage-punk che si può definire “totale”, che nel tempo si è aperta a sonorità soul e rhythm’n’blues. Nel 2003 diventano Tunas e sul palco appare Erica Preli la “go go dancer”, il ballo come parte integrante del gruppo: perfetti. Nel 2006 il primo album “The Tunas... au go go” (nel 2008 esce “We cut our fingers in July”).  E fu così che il nome dei Tunas (assieme a Riccardo: Davide Montevecchi, chitarra, Lorenzo Velardi, basso e Luca "Ginger" Donigaglia, batteria) cominciò giustamente a “girare” per Bologna in una rapida escalation che ha portato la band, in un tempo sorprendentemente breve, ad essere prima uno dei capisaldi della scena rock cittadina e poi uno dei più apprezzati gruppi indipendenti italiani.

GALLERY

Non ci sono immagini di questo Artista inseriti in Archivio